jeudi 28 septembre 2017

Quello che le donne non dicono

e che poi alle  donne ,quelle che  sembrano delle rocce ,se le osservi bene  ogni tanto,capisci che hanno bisogno anche loro  di una  una parola dolce, una parola che possa confortarle… Quell’ “andrà tutto bene,stai tranquilla” che non si sentono mai dire, perché “loro sono forti”.
Perchè  , si pensa, che a quelle donne  lì, quelle con il sorriso stampato sulla faccia e gli occhi che brillano quasi sempre,  a quelle niente sembra scalfirle, e che una una parola dolce non sia necessaria, perché loro a una parola dolce vi risponderanno con una battuta ironica.
 Non ve lo diranno mai e poi mai che sono impaurite indifese  piuttosto si farebbero amputare una mano ; ma anche loro hanno bisogno di quelle parole e le apprezzano quelle parole,sicuro.
 Quelle donne  sono fatte così, non sono cattive, hanno solo paura che il mondo le veda deboli e se le mangi. Meglio attaccare per primi che essere attaccati, questo è il loro motto, questa è la loro  fregatura

Oggi sono in uno di quei giorni, in cui odio un po’ tutti…e quando mi sento così faccio che prendo il primo treno in stazione e  come  ha scritto quella :  "vado dove mi porterà il mio cuore "  ,così per un pomeriggio intero sarò in dolce compagnia e senza pensieri. Con me

 

11 commentaires:

  1. Tutti abbiamo bisogno di parole di sostegno e incoraggiamento, uomini e donne.

    E spesso le persone che all'apparenza hanno una grande corazza, dentro sono molto fragili :)

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. oppure scoprono di avere un coraggio di quelli...io sono una di quelle donne che qualche anno fa ha dovuto indossare una corazza ma adesso mi sta stretta e la tsto togliendo un pezzettino alla volta :)

      Supprimer
  2. Eeeh, accidenti all'età! Se potessi lo prenderei anch'io quel benedetto treno (ma per non tornare). Solo che, ad un certo punto della vita, quando i giorni alle spalle sono maggiori di quelli di fronte, quando non riesci più nemmeno a salire gli scalini della carrozza...cerchi un altro modo di andartene. Oh, no, non pensare a quel tipo di viaggio che fanno i giovani (fumando qualche porcheria), al massimo un bicchierino sulla poltrona, davanti al fuoco. Comunque, quando non è più il tempo dei treni, rimane quello del mutuo supporto, schiena contro schiena (come nel logo di una certa marca sportiva), per non cadere... Un saluto, fanciulletta!

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. eh ma tu oramai i tuoi treni li hai già presi no? o perso qualcuno ,chissà :) rimani sempre il caro e saggio vecchietto . Un abbraccio !

      Supprimer
  3. E sono i momenti migliori quelli che si spendono tra sé e sé. Ci si deve rimettere prima in pace con sé stessi per essere in pace con il mondo. Quelle donne dure di cui parli forse sbagliano. Non c'è nulla di male ad essere deboli ed è vero che si rischia di esser sbranate ma a mio avviso poi si scopre che c'è tanta gente vicino che tende una mano per aiutare, un orecchio per ascoltare, una parola per rincuorare. Goditi il tuo viaggio in treno verso te stessa amica mia. Un abbraccio stretto, naar

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. Sei unica, hai quel lato ottimistico nel vedere le cose che mi appartiene e che fortunatamente mi permette di essere meno disincantata :) Un abbraccio

      Supprimer
  4. Sono pensieri d'Autunno che dopo il chiasso caldo chiede pensieri intimi ed introspezione. É la sua struggente malinconia che conduce al desiderio di staccare e cambiare orizzonti, dubbiosi se ancora ci sarà domani, come se queste grevi emozioni fossero radici da tagliare.

    A volte basta soltanto mettersi a testa in giù, per osservare le foglie che dal basso dei rami prendono il volo verso un cielo verde fatto di erba e... sentirsi leggeri.

    Ti rinnovo l'augurio di un buon viaggio :)

    RépondreSupprimer
    Réponses
    1. Adoro l'autunno, sarà perché mi appartieneanche quella sottile malinconia. Bellissimo il tuo consiglio ,niente di più vero :))

      Supprimer
  5. Sai che c'è, se quei sorrisi, tutti quei raggi 'solari' li guardi meglio, vedi la vera amarezza che vi si nasconde dietro. Io purtroppo sono un libro aperto, nel quale leggi con un colpo d'occhio quel che succede dentro. Non tutti apprezzano. Ciao

    RépondreSupprimer
    Réponses

    1. Una di quelle donne con il sorriso stampato sulle labbra per circostanza sono io. Tutto in questo blog parla di me :) dietro questa mia pseudo leggerezza o leggiadria come insiste qualcuno c'è molto di più è diverso solo il modo di affrontare le cose, le situazioni e la vita.

      Supprimer