vendredi 29 décembre 2017

Nostalgie in una sera d'Inverno dopo Natale

In questo periodo in tv danno sempre gli stessi programmi  e stasera   avevo voglia di un film,  leggero rassicurante  e senza troppi impegni, di cervello ,appunto . E mi sono rivista "Nine Months", una pellicola che avrà una ventina d'anni con una bellissima Julianne Moore e un Hugh Grant bambino. Certo che rivedersi così fa effetto, ti accorgi degli anni che passano. è imbarazzante. ma il ruolo che più mi ha divertito è stato quello del ginecologo bislacco impersonato da un meraviglioso Robin Williams ;
Ho riso come una matta e i miei vicini si saranno incuriositi

Mi è tornato alla mente la nascita della scricciola..una notte all'improvviso una corsa im bagno credendo fosse pipì invece era lei che  decise di giocare d'anticipo  una ventina di giorni prima. Furono vane  le prove ,scherzando con il padre, simulando un parto improvviso.. anche quella notte non si svegliava cavoli ,e quasi ero indecisa se chiamare un taxi. Avevo richiesto in anticipo l'epidurale ,così da godermi la fase transitoria del parto prima della fatica e del dolore  ma era troppo tardi e alla mia richiesta di andare in bagno per un bisogno urgente il medico e l'ostetrica mi accompagnarono d'urgenza in sala parto.

..e  me la ritrovai tra le braccia, ancora  con il cordone ombelicale  e due occhioni chiari su un viso completamente ricoperto di una strana cosa bianca..fui rassicurata : era la vernice caseosa, normale con un parto in anticipo.  Sembrava il fantasmino Casper e mi guardava  fisso fisso negli occhi. Poi la presero , la sistemarono e ritornò da me pulita e strabellissima..e ci lasciarono sole una mezzoretta.

Fece tutto da sola  ..girò il faccino sul mio seno sinistro e istintivamente prese aiutata da me il capezzolo  e iniziò a succhiare. Ecco, quelli sono attimi che non dimenticherò mai e quando vedo film come quello di stasera mi prende una nostalgia  fortissima..

Principessa Anna


il miracolo della vita, così lo chiamano



6 commentaires:

  1. Che bella nostalgia...non come la mia\nostra futile di cose sciocche :D.

    Comunque viva i film leggeri e rassicuranti :)

    RépondreSupprimer
  2. Stupendo e commovente... come al solito :)

    Tkoy

    RépondreSupprimer
  3. Una volta dei piccoli nati con la vernice caseosa a protezione del liquido amniotico si diceva: nati con la camicia, ed è un segno molto bello sul destino futuro di quelle piccole mani che diventeranno padrone del proprio mondo. Splendido pensiero di Natale custodito in uno scrigno di cristallo

    RépondreSupprimer
  4. Anche a me si ruppero le acque goccia a gocce, e se non fosse stato per mia madre neppure l'avrei capito. E anche mio marito dormiva della grossa all'una e mezza di notte del 15 agosto. Ma mio figlio nacque solo la sera alle 22 di quel giorno e non fu una passeggiata. Ma sono felice del risultato e questo è ciò che conta. Come si fa a non amarli? Felice fine d'anno mia cara

    RépondreSupprimer
  5. Ciao fanciullina,
    mi piace il tuo modo di vivere e raccontare le cose della vita: mostri sempre un animo dolce, sensibile e leggero. Io, non posso avere dei ricordi simili, ma ovviamente ne ho degli altri (credo, data l'età). Di tutto ciò che ho vissuto, però, posso dire che il momento in cui incontri lo sguardo del tuo piccolo, appena nato, è unico e irripetibile. Eeeeeh, anche quando racconti di queste cose, mi fai rimpiangere che tra noi ci sia tutta questa differenza di età, di non averti incontrata quando ero nel fulgore delle forze...
    Ad ogni modo, buon 2018 (e speriamo di finirlo tutto...). Un abbraccio

    RépondreSupprimer
  6. Amici, grazie di cuore a tutti voi per la stima e le parole che usate con me e chi fanno molto piacere:) Lo so che non sono "facile" però mi piace raccontarmi qui e se rimango è perché ci siete voi . Vi auguro tante cose belle e una botta di culo per l'anno che verrà :) Un abbraccio

    RépondreSupprimer